Contribuzione

Home | Contribuzione

Cosa comporta

Dal momento dell’adesione a  Telemaco i lavoratori iniziano a costruire la loro pensione complementare facendo confluire nella loro posizione individuale:

TFR
  • somme pari al 100% del TFR (nel caso in cui il loro primo contratto di lavoro risalga ad una data successiva al 28 aprile 1993);
  • somme pari al 16% o al 100% del TFR (nel caso in cui il loro primo contratto di lavoro risalga ad una data antecedente al 29 aprile 1993).
CONTRIBUTI
  • contributi a carico del lavoratore;
  • contributi dell’ azienda.

 

Versare contributi non è obbligatorio potendosi versare il solo TFR. Coloro i quali decidono di far confluire nella propria posizione il contributo, nel rispetto della misura minima stabilita dagli accordi collettivi che ammonta all’1% della retribuzione,  possono usufruire di quello dell’ azienda, pari all’1,2% della retribuzione.

Per maggiori informazioni consulta la sezione "Quanto contribuire".

Se per qualsiasi motivo l’iscritto a Telemaco decidesse, nel corso della sua permanenza nel fondo, di sospendere la contribuzione a proprio carico potrà farlo, interrompendo contestualmente la contribuzione da parte dell’azienda. Il Tfr continuerà comunque a confluire nella posizione individuale dell'iscritto.

L’entità della contribuzione è importantissima per definire il livello della pensione complementare. La percentuale di contribuzione deve essere stabilita e modificata nel tempo in base al tenore che l’iscritto  desidera assicurarsi al termine della sua vita lavorativa.

Per capire meglio quanto varierà la  pensione complementare al variare della contribuzione si consiglia di consultare il La mia pensione complementare versione personalizzata

Fondo pensione Telemaco - C.F. 97157160587